.
Annunci online

  albatroreloaded [ "Stavo con i piedi fortemente poggiati sulle nuvole." ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


AgoraVox Italia
Apogeonline
Arcoiris TV
Antonino Monteleone
Articolo 21
Beppe Grillo
Buongiorno
Byoblu
Caterpillar
Ciwati
Cloridrato di sviluppina
Condor
Daniele Martinelli
Dagospia
Decrescita felice
Diritto alla Rete
Enzo Di Frenna
Euronews
Factcheck
Freddynietzsche
Gad Lerner
Gennaro Carotenuto
Gianni Barbacetto
Giornalettismo
Gli antennati
Guardie o ladri
Guido Scorza
Il disinformatico
Internazionale
Invece
Italia dall’Estero
La deriva
L'Antefatto
La Voce
Limes
LorenzoC
Lost in politics
Manteblog
Metilparaben
Michele Serra
Micromega
Navi in bottiglia
Noise from Amerika
Openpolis
Paul the wine guy
Peace reporter
Piccola Italia
Piero Ricca
Piovono Rane
Punto Informatico
Satira preventiva
Scene digitali
Sconfini.eu
Strade sicure
Tempo reale
Toghe Rotte
Uguale per tutti
ViaEmilianet
Voglio Scendere
Wittgenstein
WWWomen

cerca
letto 286094 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom





Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
I contenuti di questo blog sono soggetti a licenza creative commons. Le immagini sono in gran parte tratte da internet: se violassero un qualche diritto d'autore siete pregati di informarmi nei commenti al post interessato e saranno rimosse al più presto. I commenti sono in moderazione: evitando di offendere chiunque possa passare di qua verranno sempre pubblicati.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Wikio - Top dei blog

Pageboss

 


19 giugno 2010

Borning glory!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ilfattoquotidiano.it

permalink | inviato da albatro reloaded il 19/6/2010 alle 19:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


20 gennaio 2010

"...un problema tra la politica e la sanità..."

    Già, e il Pd, quel Pd che abbiam provato a cambiare non fa' eccezione.
    Se le cose stanno come si legge nell'articolo di Mario Gerevini sul Corrire della sera di oggi (qui la risosta di Marino), odio doverlo dire ma non vedo come ci possa essere possibilità di cambiamento.  So che, dal canto mio, dovrei solo tacere: ho mollato qualche tempo fa' e per la seconda volta.
    Non posso fare altro che  ammirare i tanti come Giuseppe Civati e lo stesso Ignazio Marino che ancora e ancora e ancora vedono nel Pd la possibilità di diventare qualcosa di diverso dal carrozzone che continua (ancora e ancora e ancora) ad essere.
    D'altronde sia le primarie degli iscritti che quelle aperte a tutti hanno decretato che Bersani doveva essere il segretario.  E Bersani non è solo Bersani ma tutta una serie di persone (molte delle quali anche validissime) con una precisa identità culturale e politica che conosce solo quel modo di fare politica.  Neanche io, credo ai complotti; semmai, credo che ci sia molto di peggio del complotto: c'è un mucchio di gente (ovunque, mica solo nel Pd) più realista del re, quelli che "pagherebbero per vendersi" (cit) e quelli che venderebbero le ceneri della madre per compiacere.
    Al di la del bene e del male, resta il fatto che la politica e la sanità manco dovrebbero vedersi col binocolo: se proprio devo correre il rischio, tendenzialmente mi fido di più di chi ha pronunciato il giuramento di Ippocrate dopo (si spera) regolare corso di laurea piuttosto che di chi, se va bene, ha giurato su una Costituzione che probabilmente manco ha mai letto.



20 gennaio 2010

Già, i miglioristi....

    E chi se li ricordava più.  Ero al liceo, piena epopea craxista, c'erano pure loro.
    Purtroppo o per fortuna Peter Gomez e Gianni Barbacetto hanno provveduto a colmare la (credo non soltanto) mia lacunosa memoria.
    Non è che ne sentissi poi impellente bisogno...

    Il Presidente e il latitante

    Pubblico qui di seguito un pezzo scritto da me e da Gianni Barbacetto sui rapporti tra Bettino Craxi, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e la corrente migliorista del partito comunista. È un tema storico-politco importante che nessun giornale, a parte Il Fatto Quotidiano, ha voluto affrontare. Mi piacerebbe conoscere che cosa sapevate di tutto questo e cosa ne pensate, soprattutto alla luce della lettera del Presidente alla vedova di Craxi. PG

    Napolitano e i suoi miglioristi, così lontani e così vicini a Craxi

    "Non dimentico il rapporto che fin dagli anni Settanta ebbi con lui... Si trattò di un rapporto franco e leale, nel dissenso e nel consenso che segnavano le nostre discussioni e le nostre relazioni”. “Lui” è Bettino Craxi. E chi “non dimentica” è Giorgio Napolitano, oggi Presidente della Repubblica. Nella sua lettera inviata alla vedova di Craxi a dieci anni dalla morte del segretario del Psi, il capo dello Stato sostiene che, nel “vuoto politico” dei primi anni Novanta, avvenne “un conseguente brusco spostamento degli equilibri nel rapporto tra politica e giustizia”. A farne le spese fu soprattutto il leader socialista, per il peso delle contestazioni giudiziarie, “caduto con durezza senza eguali sulla sua persona”.

    Il rapporto tra Craxi e Napolitano fu lungo, intenso e alterno. Naufragò nel 1994, quando Bettino inserì Napolitano nella serie “Bugiardi ed extraterrestri”, un’opera a metà tra la satira politica e l'arte concettuale. Ma era iniziato, appunto, negli anni Settanta, quando il futuro capo dello Stato si era proposto di fare da ponte tra l’ala “riformista” del Pci e il Psi. Negli Ottanta, Napolitano rappresentò con più forza l’opposizione interna, filo- socialista, al Pci di Enrico Berlinguer: proprio nel momento in cui questi propose la centralità della “questione morale”. Intervenne contro il segretario nella Direzione del 5 febbraio 1981, dedicata ai rapporti con il Psi, e poi ribadì il suo pensiero in un articolo sull’Unità, in cui criticò Berlinguer per il modo in cui aveva posto la “questione morale e l’orgogliosa riaffermazione della nostra diversità”.

    È in quel periodo che la vicinanza tra Craxi e Napolitano sembra cominciare a farsi più forte. Tanto che nel 1984, il futuro presidente appoggia, contro il Pci e la sinistra sindacale, la politica del leader socialista sul costo del lavoro. Il mondo, del resto, sta cambiando. E in Italia, a partire dal 1986, cambiano anche le modalità di finanziamento utilizzate dai comunisti. I soldi che arrivano dall’Unione Sovietica sono sempre di meno. E così una parte del partito – come raccontano le sentenze di Mani pulite e numerosi testimoni – accetta di entrare nel sistema di spartizione degli appalti e delle tangenti. La prova generale avviene alla Metropolitana di Milano (MM), dove la divisione scientifica delle mazzette era stata ideata da Antonio Natali, il padre politico e spirituale di Craxi. Da quel momento alla MM un funzionario comunista, Luigi Miyno Carnevale, ritira come tutti gli altri le bustarelle e poi le gira ai superiori. In particolare alla cosiddetta “corrente migliorista”, quella più vicina a Craxi, che “a livello nazionale”, si legge nella sentenza MM, “fa capo a Giorgio Napolitano”. E ha altri due esponenti di spicco in Gianni Cervetti ed Emanuele Macaluso.
Per i “miglioristi” Mani Pulite è quasi un incubo: a Milano molti dei loro dirigenti vengono arrestati e processati per tangenti. Tutto crolla. Anche il loro settimanale, Il Moderno, diretto da Lodovico Festa e finanziato da alcuni sponsor molto generosi: Silvio Berlusconi, Salvatore Ligresti, Marcellino Gavio, Angelo Simontacchi della Torno costruzioni. Imprenditori che sostenevano il giornale – secondo i giudici – non “per una valutazione imprenditoriale”, ma “per ingraziarsi la componente migliorista del Pci, che in sede locale aveva influenza politica e poteva tornare utile per la loro attività economica”. Il processo termina nel 1996 con un’assoluzione. Ma poi la Cassazione annulla la sentenza e stabilisce: “Il finanziamento da parte della grande imprenditoria si traduceva in finanziamento illecito al Pci-Pds milanese, corrente migliorista”. La prescrizione porrà comunque fine alla vicenda.

    Più complessa la storia dei “miglioristi” di Napoli, che anche qui hanno problemi con il metrò. L’imprenditore Vincenzo Maria Greco, legato al regista dell’operazione, Paolo Cirino Pomicino, nel dicembre 1993 racconta ai pm che nell’affare è coinvolto anche il Pci napoletano: il primo stanziamento da 500 miliardi di lire, nella legge finanziaria, “vide singolarmente l’appoggio anche del Pci”. E lancia una velenosa stoccata contro il leader dei miglioristi: “Pomicino ebbe a dirmi che aveva preso l’impegno con il capo-gruppo alla Camera del Pci dell’epoca, onorevole Giorgio Napolitano, di permettere un ritorno economico al Pci... Mi spiego: il segretario provinciale del Pci dell’epoca era il dottor Umberto Ranieri, attuale deputato e membro della segreteria nazionale del Pds. Costui era il riferimento a Napoli dell’onorevole Napolitano. Pomicino mi disse che già riceveva somme di denaro dalla società Metronapoli... e che si era impegnato con l’onorevole Napolitano a far pervenire una parte di queste somme da lui ricevute in favore del dottor Ranieri”.

    Napolitano, diventato nel frattempo presidente della Camera, viene iscritto nel registro degli indagati: è un atto dovuto, che i pm di Napoli compiono con grande cautela, secretando il nome e chiudendo tutto in cassaforte. Pomicino, però, smentisce ameno in parte Greco, negando di aver versato soldi di persona a Ranieri e sostenendo di aver saputo delle mazzette ai comunisti dall’ingegner Italo Della Morte, della società Metronapoli, ormai deceduto: “Mi disse che versava contributi anche al Pci. Tutto ciò venne da me messo in rapporto con quanto accaduto durante l’approvazione della legge finanziaria... Il gruppo comunista capitanato da Napolitano ebbe a votare l’approvazione di tale articolo di legge, pur votando contro l’intera legge finanziaria”.

    Napolitano reagisce con durezza: “Come ormai è chiaro, da qualche tempo sono bersaglio di ignobili invenzioni e tortuose insinuazioni prive di qualsiasi fondamento. Esse vengono evidentemente da persone interessate a colpirmi per il ruolo istituzionale che ho svolto e che in questo momento sto svolgendo. Valuterò con i miei legali ogni iniziativa a tutela della mia posizione”.

    Alla fine, l’inchiesta finirà con un’archiviazione per tutti. Anche Craxi, quasi al termine della sua avventura politica in Italia, aggiungerà una sua personale stoccata a Napolitano. Nel suo interrogatorio al processo Cusani, il 17 dicembre 1993, dirà, sotto forma di domanda retorica: “Come credere che il presidente della Camera, onorevole Giorgio Napolitano, che è stato per molti anni ministro degli Esteri del Pci e aveva rapporti con tutta la nomenklatura comunista dell’Est a partire da quella sovietica, non si fosse mai accorto del grande traffico che avveniva sotto di lui, tra i vari rappresentanti e amministratori del Pci e i paesi dell’Est? Non se n’è mai accorto?”. Fu la brusca fine di un dialogo durato due decenni. E riannodato oggi con la lettera inviata da Napolitano alla moglie dell’antico compagno socialista.



19 gennaio 2010

Punto su punto

    «Mandiamoli a casa loro»
I luoghi comuni e i pregiudizi. Il prontuario di risposta immediata è a vostra disposizione nella versione 1.0. Raccoglieremo altre idee (e altre informazioni), seguiremo le vostre indicazioni e lo manderemo a tutti i circoli del Pd. Partecipate anche voi, per noi è importante.

    Oserei dire: da interiorizzare!



19 gennaio 2010

L'imprenditoria dell'ammore/2

    Come scritto ieri: "mi sa che segue".
    Forse turbati dalle intimidazioni e/o minacce subite e/o ricevute, alcuni dipendenti si stanno ammalando rendendo alquanto complessa la riorganizzazione dei turni già non proprio semplicissima viste le drastiche riduzioni di personale operate.
    Per ora non è esattamente un Aventino ma promette bene.
    Mi sa che segue....
    Stay tuned.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lavoro crisi imprenditoria

permalink | inviato da albatro reloaded il 19/1/2010 alle 22:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 gennaio 2010

E noi paghiamo

    «... dovremmo avere il coraggio di dire che le tasse sono una cosa bellissima.
È un modo civilissimo di contribuire insieme al pagamento di beni indispensabili come la sicurezza, come la tutela dell'ambiente [...] »
Tommaso Padoa Schioppa, 7 Ottobre 2007 durante la trasmissione "in mezz'ora"
   
    Sulla seconda parte sono completamente d'accordo (sulla prima, de gustibus).
    Ora, visto che ci toccherà lavorare per 173 giorni del 2010 pro fisco contro i 172 del 2009 o, se preferite (preferite?) 4 ore al giorno per tutto l'anno e visto che i suddetti (e non solo quelli) beni indispensabili lasciano alquanto a desiderare, sono affatto lieto di segnalare un articolo uscito su "L'Espresso" del 13 Gennaio 2010 (è ancora in edicola).   
    "Silvio, quanto ci costi" di Primo Di Nicola.
    Cosi, giusto per condividere un po' di spappolamento di fegato.
    Enjoy...



18 gennaio 2010

L'imprenditoria dell'ammore

    Si prenda una azienda del settore ceramico sulla piazza da almeno trent'anni.
    Si tenga ben presente che produce "made in italy" particolarmente di nicchia e che tendenzialmente, per quei prodotti, la crisi non esiste.
    La si mandi, vai a capire come e perchè, in vacca senza dimenticare di "piantare chiodi" tra i fornitori e i dipendenti tipo che i tfr ancora li stanno aspettando.
    Si cominci a fare giochetti tipo scatole cinesi.  Mandandola ancora più in vacca.  E piantando qualche altro chiodo in giro.
    Si faccia un bel giro di valzer col tribunale sotto concordato.
    Si "chieda" ai dipendenti (ridotti in due anni da circa trecento a una settantina scarsa) di compartecipare (con soldi veri) alla suddetta azienda (o quel che ne è rimasto) che si vuol trasformare in cooperativa.
    Si provveda a intimidire i dipendenti che si dichiarano apertamente contrari all'ipotesi cooperativa e direttamente a minacciare quelli che si dichiarano favorevoli a condizione che l'attuale proprietà sparisca dal nuovo assetto societario.
    ...Mi sa che segue...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lavoro imprenditoria crisi

permalink | inviato da albatro reloaded il 18/1/2010 alle 23:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 gennaio 2010

L'unico lato positivo


     Ora che quella meravigliosa (letterale: foriera di meraviglie) trasmissione che rispondeva al nome di Condor è stata ottusamente chiusa e ancor più ottusamente rimpiazzata con l'equivalente radiofonico della Corazzata Potemkin secondo Fantozzi, non ho più il problema di dovere combattere con le molteplici (almeno 5 tra Reggio Emilia e Ravenna delle quali almeno tre tra Reggio Emilia e Sassuolo) e tutte tragicamente deboli frequenze di Radio 2 RAI (tanto tragicamente deboli e disturbate che il sistema rds dell'autoradio manca poco che mi scriva 'fanculo tu e radio2, cercatela da solo!).
    Da incallito pagatore di cosiddetto "Canone RAI" non so se ritenermi fortunato o, ancor più del solito, turlupinato.
    Complimentoni vivissimi al neodirettore Mucciante.

P.s.: Si può essere tristi per la chiusura di un programma radiofonico?  Si, cazzo, si può!  E pure incazzati! Abbastanza da non essere riuscito a scrivere nulla di decente quando il misfatto è stato consumato.



18 gennaio 2010

Passate parola


    Articolo di Salvatore Bragantini sul Corrire della Sera del 14 Gennaio 2010 .
    Intervista di Augusto Minzolini a Fabrizio Cicchitto su La Stampa del 19 Novembre 1993 .
    "Cick e Minzo, come eravamo" di Marco Travaglio su L'antefatto (da Il Fatto Quotidiano del 16 Gennaio 2010).
    Il Processo SME:  su Wikipedia ; su Corriere della Sera ; su La Repubblica .
    I Decreti Berlusconi su Wikipedia.
    La Crisi di Sigonella su Wikipedia.
    Il " Calendario dei santi laici 2010 "



16 gennaio 2010

United colors of strikers


    Ancora non so dove ma so quando e tanto mi basta per esserci.



15 gennaio 2010

Hai visto mai che poi si immedesimano...

    Viste le posizioni della Lega in tema di razza ho il legittimo sospetto che il de cuius abbia avuto la bella pensata che certi testi (scritti da autori di certe razze, poi) è meglio che non vengano fatti leggere.
    La scusa del sesso, poi,  viene sempre buona e trova fin troppo facile sponda negli abbondanti  e abboccanti bacchettoni e parrucconi italici.
    Solo che, magari mi sbaglio e faccio la figura del ciuccio, però io quel libro l'ho letto parecchi anni addietro (almeno venti) e proprio non mi sovviene alcun "passo nel quale Anna Frank descrive in modo minuzioso e approfondito le proprie parti intime e la descrizione è talmente dettagliata da suscitare inevitabilmente turbamento in bambini della scuola elementare".  Semmai, mi ricordo un passo in cui si parla dei genitali di una gatta (ma magari era un gatto) con termini tanto ingenui e teneri che mi rimasero impressi proprio per quello: una frase, in particolare, ricordo chiaramente «...e questi sono peli sparsi...».  Della gatta.  Due bambini (Anna e lui, a spanne, credo si chiamasse Peter) che parlano dei genitali di una gatta negli anni quaranta col senso del pudore di allora.
    Ma magari mi sbaglio sul "il diario di Anna Frank" .  Sul mio leggittimo sospetto, no.  Come diceva quell'altro campione, "a pensar male....".
    L'autrice di quel libro continuava a credere «nell'intima bontà dell'uomo».
    Io no.



15 gennaio 2010

Località in cui evitare attentamente di metter piede (e spendere)

    Così, giusto per provare (almeno provare) a sentirmi meno complice.


    L'autore dell'ottimo lavoro si chiama Gino Selva.  Grazie.



15 gennaio 2010

Le comodissime precondizioni

Formigoni ed Errani non possono ricandidarsi?

    C’è un clamoroso rimosso dalla discussione politica e giornalistica sulle elezioni regionali: ed è l’illegittimità delle candidature di Formigoni ed Errani, in quanto il loro sarebbe un terzo mandato escluso dalla legge. Una discussione giuridica tra costituzionalisti è rimasta molto occultata. Si scontrano due diverse interpretazioni che provo a sintetizzare come se parlassi a un bambino di sei anni (e come se lo fossi io stesso). La legge che impedisce il terzo mandato è del 2004: secondo alcuni riguarderebbe quindi nel conteggio solo i mandati successivi a quell’anno, e in base a questo i prossimi eventuali mandati di Errani e Formigoni sarebbero i secondi e non i terzi. La logica elementare fa sembrare assurda questa versione: le questioni di non retroattività riguardano le applicazioni delle norme, non le loro precondizioni. Si ragionasse così, se domani si approvasse una legge per il divieto di guida ai ciechi, questa sarebbe applicabile solo a chi diventi cieco da oggi in poi: i già ciechi potrebbero guidare.
    Ma l’interpretazione della legge non è cosa di logica elementare, quindi la vicenda è giusto che sia risolta dai costituzionalisti. Anche se non si può negare la bontà di qualunque strumento che limiti a dieci anni la continuità in ruoli di questo genere per le stesse persone (che poi sono già quindici, nel caso di Formigoni: il suo primo mandato di tre è escluso dal conteggio per diversa tipologia), e l’argomento a favore dell’illegittimità ha quindi una sua forza etica oltre che giuridica. Ma soprattutto sarebbe giusto che se ne parlasse, e che la politica la affrontasse. Invece ciascuno schieramento ha il suo interesse, vuoi lombardo o emiliano, a rimuoverla. E faranno tutti finta di niente, a cominciare dai tutori della legalità part time.

[Via Wittgenstein]

    ...Mi sa che il rischio dei ciechi alla guida è piuttosto concreto...



13 gennaio 2010

L'opposizione la trionferà

L'opposizione di governo

    Per paradosso dissento dalla mappa di Ilvo Diamanti "Pdl, il non partito senza opposizione". La mia teoria è che una mente acuta infilata tra i Bondi si sia inventato l'opposizione di governo. L'idea è questa: tu hai il potere e vuoi assicurarti che la tua parte politica prevalga anche alle prossime elezioni. Di fatto questo non è mai accaduto nella seconda repubblica: né Berlusconi né Prodi sono successi a se stessi. Cinque (nel caso di Prodi meno) anni di governo e promesse non mantenute hanno fatto sempre sì che la gente poi votasse altrove con rinnovata credulità. Votava, pertanto, l'opposizione.
     Bene, hanno creato l'opposizione interna, quella di governo. L'avversario principale di Berlusconi appare Fini (che non viene da lontano, è il cofondatore dello stesso partito). Il Giornale di proprietà di Berlusconi contrabbanda ogni mattina questa (ir)realtà attaccandolo. La versione cartacea di questa testata se fa un titolo contro il governo comincia con "Fini:", mica con altri. Hanno coperto anche gli opposti estremismi contrabbandando la Lega come "portatrice di istanze sociali, popolari", quindi di sinistra e offrendo la Destra per quel che è: un rigurgito col rossetto.
    Et voilà. Bersani e Casini? Vanno a farsi i complimenti reciproci da Fazio.
    Vi dicono: ma no, è una lotta per la successione, intanto vi preparate alle esequie per tre anni e nessuno schiatta, poi qualcuno voterà Fini per opporsi a Berlusconi, Lega perché così vedranno (non votava Lega pure Veronica?) e Altan sarà sempre lì con l'ombrello pronto a un centimetro dalle chiappe e il fumetto che dice: "Cipputi, l'opposizione ha trionfato, cuntent?".

    E non credo di potere avere altro da aggiungere....



12 gennaio 2010

Mi pare una faccia conosciuta

    A volte le notizie e/o le immagini mostrano sorprendenti correlazioni... O è la mia mente malata che ce li vede, non so.


sfoglia     gennaio       

L'ALBATRO Sovente, per diletto, i marinai catturano degli albatri, grandi uccelli marini che seguono, indolenti compagni di viaggio, il bastimento scivolante sopra gli abissi amari. Appena li hanno deposti sulle tavole, questi re dell'azzurro, goffi e vergognosi, miseramente trascinano ai loro fianchi le grandi, candide ali, quasi fossero remi. Com'è intrigato, incapace, questo viaggiatore alato! Lui, poco addietro così bello, com'è brutto e ridicolo. Qualcuno irrita il suo becco con una pipa mentre un altro, zoppicando, mima l'infermo che prima volava. E il Poeta, che è avvezzo alle tempeste e ride dell'arciere, assomiglia in tutto al principe delle nubi: esiliato in terra, fra gli scherni, non può per le sue ali di gigante avanzare di un passo. Charles Baudelaire - I fiori del male


il mattinale

signori della corte

passparola

errata corrige


 

Scudo della Rete
La mappa del potere delle aziende quotate nella Borsa italiana

Cinque Domande

sentenze italiane sentenze europee

 

http://www.libera.it/flex/images/D.1401cad61410e4e28191/nienteregali_banner.gif